Miele: come scegliere quello giusto per le tue esigenze

Miele: come scegliere quello giusto per le tue esigenze

Il miele, dolcificante naturalmente prodotto dalle api, è uno dei dolcificanti più sani tra quelli disponibili in commercio.

Dal sapore inconfondibile, da qualche anno anche nei supermercati sono disponibili tantissime qualità e tipologie differenti di miele e ognuno di questi ha un sapore e una modalità di utilizzo consigliata specifico.

In questo articolo scoprirai quali sono le principali tipologie di miele, quali sono le modalità di utilizzo e quali le note di sapore principali di ognuno, per fornirti le conoscenze necessarie per scartare quelli che non si conciliano con i tuoi gusti.

Se stai cercando una tipologia di miele biologico diversa da quelle comunemente vendute nei supermercati, dai uno sguardo a quelle presenti nello shop online di Bioitalia, interamente prodotte in Italia.

Miele d’Arancio

Il miele d’arancio, prodotto in Italia principalmente nel meridione, è un composto realizzato utilizzando i fiori di zagara, nota olfattiva principale di questo prodotto.

Questo tipo di miele tende a mutare sapore nel corso del tempo, giungendo ad assumere un sapore simile alla marmellata di arancia.

Se un miele dal retrogusto fruttato ti incuriosisce e non ti fa storcere il naso, sappi che questo tipo di miele può sostituire totalmente gli altri zuccheri raffinati (pratica particolarmente comune nelle diete, visto l’apporto calorico inferiore rispetto agli zuccheri tradizionali), ma è un prodotto allergizzante e non adatto ai bambini al di sotto di un anno d’età (che sono a rischio di botulismo infantile, causata dall’ingestione di alcune spore – innocue per gli adulti – che l’organismo dei bambini non è in grado di processare germinando nell’intestino e liberando il botulino)

Quando utilizzare il miele d’arancio

Esistono degli alimenti con i quali il miele d’arancio rappresenta un accostamento perfetto, come infusi, bevande e tè a base di frutta, nelle limonate e negli yogurt.

Miele di Eucalipto

Si tratta di un tipo di miele viene prodotto dalle api che sono state a contatto con le notoriamente balsamiche foglie di Eucalipto, che conferiscono a questo tipo di miele delle note olfattive antisettiche e le famose proprietà balsamiche e lenitive tipiche di questa pianta.

Il sapore di questo tipo di miele è molto meno dolce rispetto al miele d’arancio, ma il livello di acidità è anche in questo caso abbastanza basso.

Quando utilizzare il miele di Eucalipto

Grazie alle sue proprietà balsamiche, questo prodotto è un ottimo e naturale alleato con i segni più superficiali del raffreddamento. Gli accostamenti alimentari più appetitosi con questo tipo di miele sono il latte caldo e le tisane a base di erbe.

Miele di Acacia

Una delle tipologie più famose, apprezzate e acquistate di miele è quello di acacia, ricavato dalla produzione di miele di api che sono state a contatto con la pianta di pseudoacacia, pianta proveniente dalla stessa famiglia delle mimose, che conferisce a questo tipo di miele l’inconfondibile nota olfattiva di questi fiori.

Questo è l’unico tipo di miele a non cristallizzare mai; la sua consistenza resta sempre quindi liquida e cremosa.

Ha un sapore dolce e delicato, prestandosi anche agli accostamenti con sostanze fredde.

Quando utilizzare il miele di Acacia

Questo tipo di miele, come già anticipato, è utilizzabile in qualsiasi alimento che necessita di essere dolcificato, quindi può essere adoperato in sostituzione dello zucchero.

Qualsiasi sia il tipo di miele che ti interessa acquistare, per assicurarti un prodotto che non riceva procedimenti di raffinazione o alterazione degli ingredienti (che incide sulle proprietà nutrizionali di questo alimento), la miglior cosa da fare è valutare l’acquisto di miele prodotto mediante agricoltura biologica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.