Marketing emozionale: cos’è e come funziona

Il marketing per ottenere i risultati speciali fa leva su diverse strategie. Tra queste c’è il marketing emozionale che, come suggerisce il nome, innesca un determinato comportamento facendo leva sulle emozioni. Le emozioni, infatti, sono ciò che maggiormente incide quando bisogna prendere una decisione, soprattutto se si tratta di una decisione d’impulso per cui entra in gioco il sistema emotivo del cervello, quello che elabora le informazioni in modo automatico e inconscio. Lo scopo del marketing emozionale è stimolare la parte emotiva del cervello prima che si attivi il sistema razionale, la parte del cervello che elabora le informazioni con coscienza. Oltre che a prendere decisioni, il marketing emozionale aiuta a fidelizzare i clienti e garantire l’ecommerce growth, visita la rivista online e capirai come funziona il marketing emozionale.

Come funziona il marketing emozionale

Come già detto, il marketing emozionale mira a suscitare determinati sentimenti per influenzare il comportamento degli utenti. Tra le emozioni su cui tende a far leva ce ne sono diverse, sia positive che negative. Una di queste, ad esempio, è la paura, che può essere utilizzata sia proponendo il proprio prodotto o servizio come soluzione per superare e proteggersi dai propri timori, sia facendo leva sulla FOMO, la paura di essere esclusi e rimanere fuori. Oltre alla paura, come emozione negativa, il marketing emozionale fa leva anche sul senso di colpa. Tra le emozioni positive più forti c’è invece la fiducia, sulla quale si può puntare tramite la riprova sociale e offrendo metodi di pagamenti sicuri. In caso di community e prodotti di nicchia quello che funziona, invece, è il senso di appartenenza. Un sentimento che invece spinge all’azione è la competizione. Prima di scegliere su quale sentimento spingere, però, bisogna conoscere bene il target di riferimento, così da capire anticipatamente cosa può funzionare e cosa no. Per suscitare determinate emozioni si possono sfruttare diversi strumenti. Uno di quelli maggiormente utilizzati è lo storytelling, raccontare delle storie che parlino del brand, i prodotti e i servizi in modo coinvolgente e non in maniera asettica. Altro sistema che funziona è essere precisi e chiari, soprattutto quando si parla del prodotto per cui bisogna descrivere chiaramente i benefit usando parole sensoriali che aiutino a entrare a contatto con l’oggetto pure se lo si sta acquistando online. Ciò che non va dimenticato è la parte visiva. Non solo è bene associare le parole ad immagini e video, ma anche usare il font e i colori giusto, coerenti con il brand e che possano far percepire ancora di più le emozioni.

Miele: come scegliere quello giusto per le tue esigenze

Il miele, dolcificante naturalmente prodotto dalle api, è uno dei dolcificanti più sani tra quelli disponibili in commercio.

Dal sapore inconfondibile, da qualche anno anche nei supermercati sono disponibili tantissime qualità e tipologie differenti di miele e ognuno di questi ha un sapore e una modalità di utilizzo consigliata specifico.

In questo articolo scoprirai quali sono le principali tipologie di miele, quali sono le modalità di utilizzo e quali le note di sapore principali di ognuno, per fornirti le conoscenze necessarie per scartare quelli che non si conciliano con i tuoi gusti.

Se stai cercando una tipologia di miele biologico diversa da quelle comunemente vendute nei supermercati, dai uno sguardo a quelle presenti nello shop online di Bioitalia, interamente prodotte in Italia.

Miele d’Arancio

Il miele d’arancio, prodotto in Italia principalmente nel meridione, è un composto realizzato utilizzando i fiori di zagara, nota olfattiva principale di questo prodotto.

Questo tipo di miele tende a mutare sapore nel corso del tempo, giungendo ad assumere un sapore simile alla marmellata di arancia.

Se un miele dal retrogusto fruttato ti incuriosisce e non ti fa storcere il naso, sappi che questo tipo di miele può sostituire totalmente gli altri zuccheri raffinati (pratica particolarmente comune nelle diete, visto l’apporto calorico inferiore rispetto agli zuccheri tradizionali), ma è un prodotto allergizzante e non adatto ai bambini al di sotto di un anno d’età (che sono a rischio di botulismo infantile, causata dall’ingestione di alcune spore – innocue per gli adulti – che l’organismo dei bambini non è in grado di processare germinando nell’intestino e liberando il botulino)

Quando utilizzare il miele d’arancio

Esistono degli alimenti con i quali il miele d’arancio rappresenta un accostamento perfetto, come infusi, bevande e tè a base di frutta, nelle limonate e negli yogurt.

Miele di Eucalipto

Si tratta di un tipo di miele viene prodotto dalle api che sono state a contatto con le notoriamente balsamiche foglie di Eucalipto, che conferiscono a questo tipo di miele delle note olfattive antisettiche e le famose proprietà balsamiche e lenitive tipiche di questa pianta.

Il sapore di questo tipo di miele è molto meno dolce rispetto al miele d’arancio, ma il livello di acidità è anche in questo caso abbastanza basso.

Quando utilizzare il miele di Eucalipto

Grazie alle sue proprietà balsamiche, questo prodotto è un ottimo e naturale alleato con i segni più superficiali del raffreddamento. Gli accostamenti alimentari più appetitosi con questo tipo di miele sono il latte caldo e le tisane a base di erbe.

Miele di Acacia

Una delle tipologie più famose, apprezzate e acquistate di miele è quello di acacia, ricavato dalla produzione di miele di api che sono state a contatto con la pianta di pseudoacacia, pianta proveniente dalla stessa famiglia delle mimose, che conferisce a questo tipo di miele l’inconfondibile nota olfattiva di questi fiori.

Questo è l’unico tipo di miele a non cristallizzare mai; la sua consistenza resta sempre quindi liquida e cremosa.

Ha un sapore dolce e delicato, prestandosi anche agli accostamenti con sostanze fredde.

Quando utilizzare il miele di Acacia

Questo tipo di miele, come già anticipato, è utilizzabile in qualsiasi alimento che necessita di essere dolcificato, quindi può essere adoperato in sostituzione dello zucchero.

Qualsiasi sia il tipo di miele che ti interessa acquistare, per assicurarti un prodotto che non riceva procedimenti di raffinazione o alterazione degli ingredienti (che incide sulle proprietà nutrizionali di questo alimento), la miglior cosa da fare è valutare l’acquisto di miele prodotto mediante agricoltura biologica.

La poltrona, un classico intramontabile

Forse uno degli elementi più importanti nell’arredo, onnipresente nelle case e intramontabile sia per gli arredi moderni che classici, la poltrona è l’accessorio perfetto che da anni abita le nostre case. Parliamo della sedia ampia e comoda che tendenzialmente viene utilizzata per i salotti, le sale d’attesa e tutti gli ambienti di soggiorno e perché no anche per la camera da letto. La poltrona, che negli anni ha subito variazioni notevoli, ha attraversato secoli arrivando ai giorni nostri come il dettaglio perfetto che non può mancare in casa.
Col tempo le poltrone si sono specializzate differenziandosi in poltrone da riposo, da lettura, da biblioteca, sposando design moderni, antichi, classici e chi più ne ha più ne metta.
La poltrona è la fonte primaria del benessere. Tutti i benefici della postura, della schiena, del collo e delle gambe sono legati alla poltrona. Personalizzarla rappresenta un valore aggiunto ecco perché è importante scegliere con cura la nostra poltrona preferita.
E cosa c’è di meglio di una poltrona a dondolo Evocasa?

Poltrona a dondolo: la coccola perfetta

Le poltrone a dondolo altro non sono che delle classiche poltrone che hanno, al posto dei piedi dei semiarchi pensati proprio per permettere a questa il movimento. Questo tipo di poltrona permette di dondolare correttamente garantendoci il relax che cerchiamo.
Le poltrone a dondolo sono diverse: dimensioni, design e materiali sono pensati per adattarsi perfettamente all’ambiente che scegliamo di arricchire.
Ma vediamo quante poltrone esistono.

Poltrone a dondolo 

Le poltrone a dondolo classiche hanno un design molto moderno e funzionale.
Sono pensate per adattarsi ad ogni tipo di arredo e sono sicuramente confortevoli e sinuose. La loro forma le rende probabilmente le poltrone più diffuse sul mercato.
Personalizzarle è semplice. Basta scegliere il colore che si preferisce e la cuscineria che al meglio sposa le tinte del nostro arredo. 


Sedie a dondolo oscillante


Parliamo della classica sedia a dondolo, quella che comunemente associamo agli arredi rustici. La sua struttura ricorda proprio quella di una sedia e da essa prende il nome.
Il design dello schienale infatti è a griglia come per le sedute classiche ed è fatta in legno massello. Ogni sedia a dondolo è dotata di poggia gomito che riprende il design e garantisce il lento movimento che cerchiamo. Parliamo delle poltrone che nell’immaginario collettivo sono posizionate accanto al camino e che garantiscono il giusto relax a fine giornata.

Non rinunciare al complemento d’arredo che da anni affascina generazioni.
Scegli per i tuoi momenti di relax le poltrone a dondolo, dona una coccola al tuo corpo a fine giornata e regala un dettaglio unico alla tua casa. 

Labbra carnose: come ottenerle con il make-up

Le labbra sottili non sono un difetto, ma in una società in cui i canoni di bellezza sono ormai standardizzati, vengono spesso viste come tali. Il desiderio di avere labbra più carnose è infatti comune nelle donne di tutte le fasce d’età che sono alla ricerca di diverse soluzioni, tra queste una delle più semplici ed economiche è sicuramente l’uso del make-up. Non è infatti necessario ricorrere alla chirurgia estetica, ma basta saper applicare correttamente il trucco per un effetto temporaneo. Non c’è un trucco unico e preciso da utilizzare, ma è dalla combinazione dei vari elementi che si può ottenere l’effetto labbra carnose grazie al make-up. Ciò che è importante è sapere come utilizzare i vari elementi in modo da ottenere il risultato desiderato. Clicca qui per sapere come ottenere labbra carnose.

Come rimpolpare le labbra con il make-up

Prima di spiegare come utilizzare il trucco per rimpolpare le labbra, è bene sapere che per avere labbra più carnose l’idratazione è fondamentale. Infatti, le labbra secche sembrano ancora più sottili, è quindi necessario includere la cura delle labbra nella routine quotidiana. Prima di idratarle però è bene procedere con uno scrub delle labbra, passaggio che permette di rinnovare l’epidermide e eliminare le cellule morte. Una volta esfoliate si può procedere con l’idratazione che migliora la microcircolazione e dà un primo effetto rimpolpante. Passando alla fase del trucco vera e propria, bisogna in principio applicare del correttore o del fondotinta anche sulle labbra. Questo passaggio serve a nascondere la forma e a dare più spazio prima di procedere con lo step successivo: il counting labbra. Usando la tecnica del chiaroscuro si possono infatti mettere in risalto i punti di forza del viso e ciò vale anche per le labbra che con un pennello di precisione e della terra possono guadagnare volume. L’importante in questa fase è sfumare bene la terra. Il passaggio successivo è il ridisegnamento delle labbra tramite una matita. Ciò che conta è non andare oltre i due millimetri dalla rima labiale così da non creare un effetto troppo costruito. Il colore della matita deve essere uguale o poco più scuro di quello del rossetto da applicare subito dopo per riempire lo spazio. I colori scuri tendono a rimpicciolire le labbra, sarebbe quindi meglio evitarli. Il lucidalabbra permetterà di rimpolpare ancora di più le labbra e, per farle risaltare ancora di più, è possibile applicare dell’illuminante sul contorno. La regola principale da seguire in ogni passaggio è: non esagerare.

L’accappatoio in spugna: la svolta ecosostenibile 

L’accappatoio è senza dubbio un elemento irrinunciabile per la maggior parte delle persone. Dalla spugna alla microfibra passando per il nido d’ape, dall’accappatoio con cappuccio a quello con le tasche, fino ad arrivare alla cintura più o meno sottile. Tutti, almeno una volta nella vita, ne abbiamo avuto uno. C’è poi chi, a questo particolare capo, non rinuncerebbe mai. Avvolgente e delicato è, per i più, il posto adatto dove rifugiarsi dopo un bagno caldo, a seguito di una lunga giornata di lavoro. Ed ecco allora che la ricerca e la selezione dell’accappatoio diventa molto più impegnativa ed accurata del previsto. Si farà un’attenta selezione tra i tessuti, i colori e le tonalità che lo contraddistinguono. Losenti offre, a tal proposito, una vasta gamma di accappatoi in spugna perfetti per ogni esigenza e adatti a tutti i gusti. Dal grigio al color perla per le personalità che preferiscono le tonalità neutre, fino ad arrivare al bordeaux, rosa, azzurro e al lampone per chi ama le tinte cariche. Tutti ne abbiamo uno che racconta qualcosa di noi, di chi siamo e della nostra personalità e questo Losenti lo sa bene. 

L’ecosostenibile che ti avvolge

Se scegli questo accappatoio, non solo ti lascerai avvolgere da tessuti di primissima qualità, ma farai una scelta ecosostenibile. L’azienda, leader nel settore, si impegna a portare sul mercato del tessile per la casa prodotti ecosostenibili schierandosi dalla parte dell’ambiente giorno per giorno. I capi firmati Losenti, che vanno dalla biancheria da letto a quella da bagno fino alla biancheria da tavolo, sono creati interamente con fibre naturali e rendono possibile il processo di rigenerazione avendo poco impatto sull’ambiente. Da maggio 2021 l’azienda si preoccupa di garantire qualità attraverso prodotti che rispettano il pianeta e ciascun abitante garantendo materiali di prima scelta.

L’obiettivo è quello di allungare il ciclo di vita del prodotto. Dopo aver acquistato un articolo Losenti, sarà possibile restituirlo in qualunque momento e condizione avendo uno sconto sui prodotti disponibili su Losenti.it. Per la restituzione e l’acquisto del nuovo prodotto, si occuperà di tutto l’azienda stessa. Chiaramente a seconda della condizione del prodotto restituito si sceglierà come donargli nuova vita. Rigenerandolo, sarà donato a chi ne ha bisogno o riciclato per ottenere imballaggi ecologici realizzati interamente con fibre di prodotti resi. Attraverso questo programma di riciclaggio l’azienda contribuisce alla riduzione dei rifiuti tessili riducendo il consumo di acqua, energia elettrica di plastica, CO2 e di altri prodotti chimici. Losenti sarà dunque non solo una scelta di qualità, ma un’importante svolta per l’ambiente e per il futuro. È proprio con i piccoli gesti e con la quotidianità che si promuove il cambiamento e il rispetto per il futuro.

Lungo viaggio? Cosa non deve mancare nella tua auto

Devi partire in montagna? O comunque fare tanti chilometri in macchina?

Prima di un lungo viaggio è sempre bene avere la tua auto attrezzata e pronta per ogni evenienza.

Se vuoi sapere cosa non deve mancare nel tuo veicolo prima di partire, leggi qui.

Olio per auto: per proteggere il tuo motore

È fondamentale lubrificare il motore dell’auto, poiché che sia benzina o diesel, contiene tantissime parti in movimento che sono sottoposte all’attrito e senza la giusta cura potrebbero rovinarsi. 

Per scegliere un olio motore adatto, bisogna scegliere un prodotto innanzitutto sicuro e che dev’essere cambiato regolarmente. 

Sul sito https://www.giordanojolly.it/ trovi tutto ciò che potrebbe occorrere e ricorda che la tua auto è la tua casa e merita la giusta cura. È la tua compagna senza la quale non potresti raggiungere i posti del cuore. L’olio è fondamentale.

Caricabatterie: un gesto intelligente

Ti è mai capitato di arrivare nel tuo garage e trovare improvvisamente la tua macchina scarica? O di scendere di casa e accorgerti che hai lasciato le luci dell’auto accese? Bene, questo per la “legge di Murphy” capita sempre quando vai di fretta o devi partire. 

Un caricabatterie auto ed un buon amico ti aiuteranno ad alleviare lo stress e la tensione del momento. Ma quale scegliere? 

È fondamentale considerare innanzitutto il modello dell’auto: se è un’utilitaria, per esempio, bisogna considerare che le batterie dell’auto sono intorno ai 40-50 Ampere mentre i Suv sono 70/80 Ampere.

Pneumatici auto: tutto l’occorrente se si bucano

Quante volte ti è capitato di forare? Per fortuna, secondo una stima di Michelin, è un evento abbastanza raro che avviene normalmente ogni 75 mila km.

Non è però sempre possibile riparare gli pneumatici, infatti lo pneumatico va sostituito se ha la foratura su uno dei fianchi o se essa è avvenuta a seguito di sostanze corrosive ecc. Se così non fosse però una soluzione c’è.

Esistono dei mini compressori per auto 12V di dimensioni compatte e adatti per essere posizionati nel bagagliaio della tua auto senza creare il minimo fastidio che possono liberarti dai guai in un nulla. Fantastico!

Catene pneumatici: obbligatorie nelle stagioni invernali

Se non hai montato sul tuo veicolo le gomme quattro stagioni, le catene sono obbligatorie per alcuni tratti dell’autostrada e sui rilievi montuosi e servono a garantirti una migliore tenuta su strada. Ovviamente non andranno usate con poca neve o su strada asfaltata poiché rovinerebbero il manto stradale ed anche la vettura, ma sono utilissime dinanzi alla presenza di ghiaccio e ne esistono tantissime compatibili con vari tipi di gomme presenti sul mercato. È importante precisare che vanno applicate solo sulle ruote motrici, nella parte davanti sulle auto con trazione anteriore, dietro sulle macchine a trazione posteriore, e su tutte le auto 4×4 a trazione integrale.

Insomma, se devi affrontare un lungo viaggio questo è il kit di sopravvivenza che non deve mancare nella tua macchina per poter partire tranquillo e lo trovi su Giordano Jolly! Bon voyage!

Un’estate al mare: prepararsi al meglio

Il caldo che accarezza la pelle, la brezza marina che rinfresca, il rumore delle onde del mare sono sensazioni a cui non ci si abitua mai e di cui non ne si ha mai abbastanza. 

La bellezza dell’estate non è sempre esprimibile in poche parole perchè le emozioni che la stagione estiva regala sono davvero tante. E viverle al meglio è l’augurio che ogni volta ci facciamo. La pausa estiva è importante per rilassare mente e corpo e recuperare le energie necessarie per affrontare l’intero anno lavorativo. Non esiste un posto più bello del mare per trascorrere l’estate. Al mare tutto si semplifica, basta munirsi di poche ed indispensabili cose  e il gioco è fatto. Il costume e le ciabatte sono i protagonisti indiscussi: se in valigia abbiamo questi prodotti possiamo affrontare la vacanza con tranquillità. Sul sito https://www.sandshop.it/it/ trovi questo e tanto altro.

Certo, per non rinunciare allo stile anche al mare è bene avere con sé tutti quegli accessori che possono completare il look con i differenti costumi da bagno. Per ogni evento, per ogni aperitivo, per ogni festa e per ogni falò in spiaggia è importante scegliere e indossare il costume adatto. Bikini, trikini, costume intero, ogni modello è ideale per trascorrere un eccezionale momento da vivere. Se ami non passare inosservata i nuovi modelli di costume glitterato sono perfetti per te; non rinunciare a costumi dalle fantasie stravaganti perché evidenziano un carattere vivace, divertente e piacevole. Se, però, non sai cosa indossare ad un party in spiaggia, indossa il costume che ti fa sentire più a tuo agio. Puoi scegliere per un tinta unita ma dal taglio particolare, così da non vestire in maniera anonima e lasciando sempre traccia di te. 

Oltre al costume, nella tua valigia per una vacanza al mare non possono mancare le infradito. Di tantissimi modelli e dai colori molteplici, le infradito sono indispensabili per andare in spiaggia, per spostarsi sulla sabbia bollente e per rimanere al fresco al bar nelle ore più calde. A tal proposito, non dimenticare il copricostume. Per un look di tendenza, scegli il copricostume in abbinamento al costume: in questo modo mostrerai a tutti le tue scelte cool a cui non rinunci neppure al mare. A completare l’outfit perfetto da spiaggia, copri la testa dai raggi penetranti con un bel cappellino o una bandana alla moda. L’attenzione e la cura della pelle camminano di pari passo alla bellezza, soprattutto in estate. 

Infatti, da tenere sempre a portata di mano, le creme solari sono elementi indispensabili da avere sempre in valigia e nella borsa per la spiaggia. Abbronzarsi va bene ma attenzione a non bruciare la pelle nelle ore più calde, meglio prevenire con una spalmata di crema ogni qualvolta risulti necessario. 

Preparati a trascorrere al meglio un’estate al mare: metti in valigia tutto l’occorrente, circondati delle tue migliori amiche e partire non è mai stato così piacevole. 

Meglio la moka o il caffè in capsule?

Due mondi opposti che offrono entrambi un delizioso caffè, diverso nella struttura, nel sapore, nel gusto, ma in ogni caso ottimo. Ma per preparare un buon caffè è meglio la moka o il caffè in capsule?

Per venirne a capo è bene riporre la soggettività e il gusto personale, e valutare attentamente i pro e i contro di ciascuna delle due soluzioni. Clicca qui per saperne di più.

Partiamo dalla caffettiera, elemento imprescindibile della cucina e delle famiglie italiane, celebrata in tantissimi film e spot pubblicitari. Probabilmente non esiste persona nel nostro Paese che non associ il termine moka ai ricordi dell’infanzia, al rumore del caffè che sale, al profumo che si sprigiona nella casa di prima mattina. Per non parlare dei legami affettivi, come magari il ricordo dei nonni e delle vacanze estive; c’è sempre una moka nella nostra storia, e c’è sempre qualche bel ricordo che la accompagna. Per non parlare poi del sapore caffè preparato, che la caffettiera riesce a sprigionare grazie al processo di filtraggio dell’acqua spinta dalla pressione interna, e che assume un gusto intenso e deciso, tipico delle varietà robusta ed arabica. Inoltre la moka è indubbiamente uno strumento di facile e rapido utilizzo, e se utilizzata correttamente riesce a fornire un caffè di qualità molto vicina a quella un espresso. Di contro ci sono delle accortezze da tenere presenti, come la pulizia della caffettiera stessa, il controllo del filtro, la cottura su fuoco basso, l’utilizzo di acqua possibilmente non troppo dura, e non per ultimo la qualità del caffè macinato che deve essere sempre di alto livello.

Passando alle capsule, il pensiero va sicuramente alla modernità, ai nuovi modi di fare caffè, allo scoprire nuove fragranze e nuovi aromi. L’utilizzo di macchinette e di capsule è quindi forse meno romantico della caffettiera, ma dalla sua parte ha la vastissima gamma di possibilità e di scelte che esistono sul mercato. E’ possibile difatti grazie alle capsule, assaporare infinite varietà di caffè, passare da sapori dolci a quelli più intensi e variegati, passando per sentori di vaniglia o di caramello. Il tutto in un’unica macchina per il caffè.

Oltre al gusto, anche la qualità del caffè prodotto con una buona macchina, risulta essere ottima e richiama i sapori dei classici espressi presi al bar. Logicamente la qualità delle capsule deve anch’essa essere buona, e come per la moka, bisogna avere l’accortezza di controllare periodicamente il grado di durezza dell’acqua. Un’acqua troppo dura, alla lunga distanza, può causare dei malfunzionamenti delle macchine per caffè, alterando anche in negativo il sapore del prodotto finale.

Esiste quindi una risposta alla domanda se è meglio il caffè preparato con la caffettiera o quello in capsule?

Forse non esiste una risposta oggettiva, e tutto risiede nel nostro palato e nel nostro gusto personale. Una cosa è certa, solamente il caffè riesce a regalarci una quantità tale di aromi, di sapori e di emozioni, da avere la possibilità di utilizzare vari metodi per produrlo. E ognuno di questi ci regalerà dei bellissimi momenti e un buon caffè, da sorseggiare soli o in compagnia.

La versatilità della camicia

La versatilità della camicia

La camicia è, da sempre, uno dei capi più iconici e versatili.

La camicia è adatta ad un’infinità di situazioni e di occasioni, sia per l’uomo che per la donna.

Se desideri una o più camicie, il nostro consiglio è quello di acquistarle di qualità, come quelle in vendita sullo shop online Finamore, per una serie di motivi:

  1.  una camicia realizzata con un buon tessuto si usura e si rovina di meno nel corso del tempo, nonostante l’utilizzo;
  2.  una camicia realizzata con un buon tessuto assorbe di meno il sudore, evitando di rimanere macchiata con antiestetici aloni di sudore;
  3.  una camicia di qualità ha una vestibilità, quasi sempre, ottimale.

Queste sono solo alcune delle motivazioni che dovrebbero spingere, chiunque, a scegliere con cura ed attenzione le camicie.

Ma vediamo adesso come abbinare la camicia.

Per quanto riguarda l’uomo, che indossi una camicia bianca, azzurra o comunque dai colori classici, può creare questi outfit:

  • la camicia si può indossare con la giacca;
  • la camicia si può indossare con il gilet;
  • la camicia si può indossare con la cravatta, anche senza giacca;
  • la camicia si può indossare con il papillon;
  • la camicia si può indossare con un jeans;
  • la camicia si può indossare con un bermuda;
  • la camicia si può indossare sopra il costume al mare.

Per quanto riguarda la donna che ama la camicia può indossarla in vari modi differenti:

  • la camicia si può indossare con una minigonna;
  • la camicia si può indossare con una gonna longuette;
  • la camicia si può indossare con una gonna lunga;
  • la camicia si può indossare con un tailleur;
  • la camicia si può indossare con gli short di jeans;
  • la camicia si può indossare con i jeans lunghi;
  • la camicia si può indossare come copricostume;
  • se si tratta di una camicia oversize o maschile, invece, basterà mettere un cinturone in vita e la si può utilizzare come mini vestito.

La versatilità della camicia è davvero notevole!

Ovviamente, si potrebbe anche optare per acquistarne tante ma di un valore basso o economiche, però vorrebbe dire doverle cambiare di continuo; poichè l’abbigliamento di scarsa qualità si usura e si consuma prima.

Il nostro consiglio è di acquistare sempre e solo prodotti di qualità, non solo per quanto riguarda le camicie ma per quanto riguarda l’abbigliamento in generale.

E’ meglio avere un armadio con un numero limitato di vestiti, ma di qualità, che avere un armadio pieno zeppo di prodotti scadenti.

Non bisogna assecondare la fast fashion che segue solo i trend del momento, una persona veramente alla moda ha nel suo armadio capi evergreen e di qualità!

Come fare shopping e pagare a rate

La crisi economica che sta caratterizzando questi ultimi mesi, purtroppo, sta portando gli italiani a fare meno shopping perché, purtroppo, non tutti possono permettersi di pagare cifre elevate in un momento solo.

Ovviamente, il sito Pescatore Home & Living ha trovato una soluzione che permette a chiunque di poter fare liberamente shopping, e poi pagare l’importo a rate.

Questo servizio che permette il pagamento rateizzato si chiama Pagantis e se vuoi saperne di più visita lo shop online di Pescatore Home & Living.

Ovviamente, per poter usufruire di questo servizio, che permette di dividere l’importo di spesa in più rate, bisogna spendere una cifra minima di 200€, altrimenti se si tratta di cifre che vanno da zero a 199€ bisogna pagare l’importo per intero.

Molti si chiedono se conviene pagare rateizzando la cifra dedicata agli acquisti o se dietro c’è qualche fregatura oppure l’importo, alla fine dei conti, rischia di aumentare.

Quando si decide di pagare a rate, ovviamente, bisogna leggere con molta attenzione tutte le clausole e le regole che caratterizzano il servizio; ma nel caso specifico di Pagantis è molto semplice: fino a quattro rate il servizio è completamente gratuito se, invece, si sceglie di pagare l’importo dividendolo in più rate allora bisogna pagare qualcosina in più.

Ovviamente, conviene scegliere l’opzione che permette di dividere l’importo in quattro rate, così da poter usufruire del servizio in maniera completamente gratuita.

Pescatore Home & Living ha deciso di affidarsi a Pagantis perché si tratta di una piattaforma sicura che consente anche della flessibilità: ad esempio, si può scegliere di estinguere il debito prima del previsto, quindi non si è obbligati a rispettare la scadenza delle rate ma si può concludere il pagamento prima.

Il servizio di pagamento rateizzato sullo shop online di Pescatore Home & Living può essere utilizzato solo da persone che hanno un’età superiore ai 18 anni e che sono titolari di carte di credito o carte di debito emesse in Italia.

Pagantis, il servizio di pagamento rateizzato scelto da Pescatore Home & Living, è completamente online; inoltre, la procedura per poterne usufruire è semplice, veloce e richiede pochissimi passaggi da fare in pochissimo tempo.

Il pagamento effettuato tramite le rate, ovviamente, non cambia nulla per quanto riguarda i tempi di consegna o il reso: sono uguali per tutti i clienti, il metodo di pagamento non influisce su di essi.

Ormai il pagamento rateizzato è un servizio necessario in quanto, purtroppo, non è sempre facile poter usufruire di cifre elevate in grado di permettere di effettuare acquisti importanti e, quindi, dal valore piuttosto elevato.

Tutti gli shop online famosi permettono di fare shopping e poi di pagare a rate i prodotti acquistati.

Ovviamente, bisogna sempre effettuare una minima soglia di acquisto, altrimenti non è possibile dividere in rate un importo di denaro troppo basso.

Quindi cosa aspetti?

Non farti alcun problema se vuoi regalare a te stessa una trapunta firmata, delle lenzuola particolari o una tovaglia costosa; compra tutto ciò che vuoi e poi paga a rate, pagando un po’ per volta non ne risentirai!