Archives Maggio 2017

Bicdecò arreda con stile

Bic Decò leader nel settore della biancheria per la casa e di origine artigiana è un’azienda è affermata ed all’avanguardia. La produzione è vasta e coinvolge tutti i prodotti tessili per la casa, per vestire e personalizzare ogni stanza senza rinunciare alla grande qualità di prodotti rigorosamente Made in Italy.

Copriletti
I copriletti di Bic Decò compongono una vasta ed assortita collezione, che comprende sia modelli classici che modelli contemporanei e moderni.
Tutti i copriletti sono realizzati con tessuti d’arredo prestigiosi e sono capaci di arredare qualsiasi camera da letto, integrandosi alla perfezione con ogni stile d’arredo.
Rinnovare la camera da letto è facile e semplice, basterà scegliere un copriletto firmato Bic Decò per rinnovare lo stile e l’aspetto estetico in qualsiasi momento.

Trapuntine
Le trapuntine costituiscono un indispensabile jolly, specie nelle mezze stagioni. Un trapuntino è un accessorio non solo funzionale, ma che da solo può anche vestire il letto dando carattere alla stanza. Bic Decò realizza moltissimi modelli di trapuntine, dagli stili e trame differenti, dalle tinte classiche o stampati con fantasie allegre e moderne.
Scegliere il proprio modello ideale, abbinandolo anche al resto della biancheria da letto è molto semplice con Bic Decò.

Lenzuola
Le lenzuola sono quanto di più indispensabile per usufruire al meglio del nostro letto.
Bic Decò realizza lenzuola in grado di soddisfare i gusti e le esigenze di ognuno, nella produzione non mancano i modelli in cotone ed quelli in flanella.

Set asciugamani
Secondo le ultime tendenze d’arredo, sono proprio i set asciugamani a determinare lo stile dell’arredo bagno.
Grazie alle soffici spugne Bic Decò potrete cambiare carattere al vostro bagno in qualsiasi momento, senza rinunciare alla grande qualità di prodotti realizzati interamente in puro cotone.
I set asciugamani sono ideali per avvolgere anche le pelli più delicate, con una grande capacità d’assorbenza e resistenza.

Set tavola
Bic Decò non trascura i set tavola, perfetti per le occasioni speciali ma anche per la quotidianità.
Una tovaglia bella e di qualità renderà ancora più sereni ed allegri pranzi, cene e colazioni.
Tovaglie classiche o moderno con tovaglioli abbinati, runner e tovagliette all’americana.

Passeggiando per la via del sale

La Via del Sale attraversa terre di grande fascino come l’Oltrepo Pavese e le cosiddette Terre Alte, le montagne che dividono la Liguria dalla Pianura Padana. Le Vie del Sale anticamente erano più d’una e coincidevano con le mulattiere utilizzate da pastori e mercanti che rifornivano le zone interne della penisola con derrate alimentari e prodotti di scambio. Queste antichissime vie di comunicazione attraversavano monti e vallate e raggiungevano la linea di costa in corrispondenza delle città portuali. Una delle Vie del Sale più lunghe ed importanti di tutta l’Italia settentrionale è quella che attraversa l’appennino ligure e l’Oltrepo Pavese fino a raggiungere il porto di Genova. A fondare questa via di percorrenza battuta per lunghi secoli dalle popolazioni e dai commercianti che raggiungevano la Città della Lanterna furono con ogni probabilità i Liguri Iriati, una delle prime popolazioni ad abitare queste terre. Con l’affermazione di Genova quale porto più importante del Mediterraneo occidentale, laviadelsale divenne ancora più importante e a beneficiarne furono soprattutto i borghi che sorgevano lungo il suo tracciato. La Via del Sale che univa Genova a Pavia attraversava l’abitato di Voghera, quindi la Valle Staffora e il comune di Varzi.

Da qui il sentiero percorreva le valli e alcuni crinali dell’appennnino ligure fino a raggiungere Torriglia, presso cui si incontravano tutte le Vie del Sale che conducevano in Emilia, Piemonte e Lombardia. Da Torriglia a Genova la strada era breve e abbastanza agevole. Durante l’intero periodo medievale, il tratto pavese della Via del Sale fu protetto dalle guardie inviate lungo il percorso a difendere i mercanti dai furti e dalle aggressioni. La protezione concessa da Pavia e dalle famiglie che amministravano il territorio veniva accordata in cambio di tasse e gabelle a carico dei commercianti. Tutto ciò favorì l’ascesa politica e la crescita economica dei territori interessati dal passaggio di queste vie di comunicazione, tanto che borghi come quelli di Varzi, Torriglia, San Sebastiano e Bobbio, in alcuni casi vennero dotati persino di una cinta muraria e di un castello, allo scopo di proteggere merci e viaggiatori che vi facevano sosta. E tutto ciò divenne possibile grazie al sale, vero ed unico protagonista di questo commercio, in quanto elemento fondamentale per lo stoccaggio e la conservazione di numerosi alimenti.